Ochelari De Soare Ray Ban Dama 2015

Nel 2010 prende parte ad altri due interessanti lavori: Alice in Wonderland di Tim Burton e The Tourist, opera seconda del premio Oscar Florian Henckel von Donnersmarck. Nel 2011 Gore Verbinski ne ricalca le movenze per applicarle al camaleonte digitale Rango. Nel 2012 torna a lavorare con lui nell’attesissimo The Lone Ranger e si affida nuovamente a Tim Burton nella storia di vampiri Dark Shadows.

Una volta diplomato, si è iscritto alla SUNY Oneonta e alla SUNY Albany, ricevendo una laurea in inglese dall’Hunter College, nel lontano 1992, dove aveva cominciato anche a studiare sceneggiatura e regia cinematografica, nonché a dirigere i suoi primi cortometraggi e mediometraggi (Brandy, 1992). Il suo primo lavoro è quello di assistente produttore di Oliver Stone nel film The Doors, poi successivamente si occupa di televisione, entrando nel team dell'”Entertainment Tonight”.I film di debutto il 1995, quando decide di dirigere il suo primo film, facendosi aiutare dal padre (che avrebbe voluto per lui un futuro da poliziotto) e dal fratello Brian, con il quale poi formeranno ben due case di produzione la Irish Twins e la Marlboro Road Gang Films. Nasce così I fratelli McMullen (1995) dove Burns interpreta e dirige e, soprattutto, riesce a ottenere il Gran Premio della Giuria al Sundance Festival.

Nello specifico poi si affronta il tema di una nuova nascita. Molly l’attende con gioia tanto da aver preparato a maglia un cappello per il fratello/sorella che uscirà dall’uovo. Chi invece teme l’evento è Edison, il giocattolo parlante a molla amico di Molly che teme di essere messo da parte.

Ivan Reitman è uno dei più noti produttori e registi canadesi degli anni Ottanta e Novanta, trapiantati in America con un inedito successo commerciale creato da blockbusters di sicura riuscita.Fondatore e proprietario, dal 2000, del Montecito Picture Company, si avvale spesso della collaborazione con un altro produttore, Joe Medjuck, e degli sceneggiatori Len Blum e Daniel Goldberg.I suoi film sono impregnati di personaggi comuni che trionfano in professioni o situazioni incredibili. Inconsapevolmente, è stato lo scopritore di uno dei più grandi Maestri del cinema, David Cronenberg, ma è anche un uomo ossessionato dalla visione degli Stati Uniti come di un luogo dove tutto è possibile (acchiappare i fantasmi, far partorire un uomo, far naufragare una coppia, la lista è lunga) e per descriverlo è sempre pronto ad attraversare il confine del politicamente scorretto.Non particolarmente eccelso nello stile, anzi piuttosto mediocre, racconta le sue storie e il suo rapporto con ogni tema sociale, siano essi l’esercito, la scienza, il paranormale, il sesso. E con la vita dei “regolari” che lui osserva dal suo particolare punto di vista imbastisce il suo film.

Be the first to comment

Leave a Reply